E' giusto che l'Ufficiale giudiziario consegni gli atti a un vicino di casa?

Nei giorni scorsi è stata recapitata al mio indirizzo una citazione giudiziaria per un incidente stradale nel quale ero stato cinvolto qualche tempo fa. In mia assenza, l'atto giudiziario, dopo ripetuti tentativi dell'ufficiale giudiziario di affidarlo ad alcuni vicini di casa, che hanno rifiutato (forse imbarazzati all'idea di dovermi poi consegnare un carteggio che rivelava le mie...malefatte) è stato finalmente accettato da una persona amica. Quest'ultima mi ha riferito che il funzionario del Tribunale ha bussato a tutte le porte chiedendo di poter depositare l'atto in mia assenza poichè si trattava di una questione importante. Mi comunicava la mia condizione di imputatoe la data di un processo penale al quale sare istato sottoposto. E i risultati li ho riscontrati io stesso negli sguardi perplessi di miei molti condomini che da quel giorno hanno cominciato a guardarmi con comprensibile curiosità: "chi l'avrebbe mai detto? Cosa avrà combinato quel signore in apparenza tanto riservato?". Mi chiedo, non vale la nuova legge sulla privacy anche in questi casi

Giuliano Carini, Genova

 

RISPONDE L'ESPERTO DI DIRITTO