Promosso dal Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, prende il via la quarta edizione del "Concorso" destinato a valorizzare le tesi di laurea dedicate al giornalismo e alle istituzioni della professione. Giudice insindacabile del Premio è lo stesso Consiglio dell'Ordine. Le tesi (in duplice copia e anche su dischetto in programma word oppure rtf) dovranno pervenire alla segreteria dell'Ordine (via Appiani 2 - 20121 Milano) entro il 31 dicembre 2001. Potranno concorrere le tesi discusse nelle Università italiane (pubbliche e private) nel periodo gennaio-dicembre 2001. Le sezioni del Premio sono sei e ogni vincitore di sezione riceverà 5 milioni di lire. L'impegno finanziario dell'Ordine è, pertanto, di 30 milioni complessivi. La cerimonia della consegna avverrà in occasione dell'assemblea degli iscritti all'Albo dell'Ordine della Lombardia. La cerimonia, quindi, è prevista per il marzo 2002 al Circolo della Stampa. Estratti (di 400 righe) delle tesi premiate (e segnalate) verranno pubblicati su "Tabloid", organo mensile dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia. Per la valutazione delle tesi il Consiglio si avvarrà, come lo scorso anno, dell'opera di consulenti (giornalisti e professori universitari).

Queste le sezioni:

1) Storia del giornalismo italiano (testate e personaggi); 2) Storia del giornalismo europeo e nordamericano (testate, deontologia e personaggi); 3) Istituzioni della professione giornalistica. La deontologia e l'inquadramento contrattuale dei giornalisti in Italia, Europa e Nord America; 4) Professione giornalistica e sue specializzazioni anche telematiche e radiotelevisive; 5) Giornalismo economico e finanziario; 6) Giornalismo culturale, sociale, scientifico..