E' arrivato lo sfratto esecutivo per il teatro delle Marionette dei fratelli Colla, una delle sale più popolari della città per gli spettacoli dell'infanzia. Il parroco di san Vittore al Corpo, don Carlo Calcaterra, rivuole il teatro per esigenze pastorali della parrocchia e quindi la compagnia "Gianni e Cosetta Colla", dopo 25 anni dovrebbe andarsene. Per l'affitto i Colla pagavano un canone annuo di 27 milioni che la parrocchia ha aumentato a 80. I due fratelli hanno chiesto anni fa anche l'aiuto della diocesi e del cardinale Martini, ma la situazione non si è sbloccata. Nel frattempo i Colla, per garantire l'agibilità del teatro, hanno sborsato a loro spese 70 milioni per rinnovare tutto l'impianto elettrico del teatro, ma questo non è bastato a evitare lo sfratto. La popolare sala delle marionette, che richiama 40 mila spettatori all'anno, è costretta quindi a lasciare via Olivetani, ma in assenza di un'alternativa a tempi stretti, dopo un quarto di secolo, rischia di chiudere.